IL SENTIERO DEL PREMIO | Intervista immaginaria al Saggio – La fine del cerchio
15562
single,single-post,postid-15562,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-7.6.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.6.2,vc_responsive

Intervista immaginaria al Saggio – La fine del cerchio

14 feb Intervista immaginaria al Saggio – La fine del cerchio

Buongiorno,Le volevamo fare qualche domanda sulla sua avventura dal titolo “La fine del cerchio”…sempre se Lei acconsente.
Certo,sono molto contento che dei giovani ragazzi come voi si prendano l’impegno di venire a farmi delle domande.Iniziate pure.
Grazie. Allora,come ha reagito quando Le hanno chiesto di partecipare a questa avventura, avendo anche una parte importante?
Mi sono sentito onorato,anche se all’inizio ero un po’ scettico perché non mi ritenevo all’altezza di quel personaggio. Comunque ho accettato appena me lo hanno proposto.
Perché non si riteneva all’altezza di quel personaggio, vale a dire il saggio?
Be’, io personalmente non mi ci vedevo bene e infatti all’inizio non riuscivo a immedesimarmici.
Bene. Quale è stata la cosa che Le è piaciuta di più fare in questa avventura?
E’ una domanda complicata,perché mi è piaciuto tutto però penso che la cosa più bella sia stata di insegnare ai ragazzi. Loro ti trasmettono le loro emozioni,ti sanno rendere felice e triste allo stesso tempo.
Ottima risposta. Quale è stato il luogo che Le è piaciuto di più in questa avventura?
Sicuramente la casa vicino al mare dove alloggiavamo. Abbiamo passato dei bellissimi momenti lì dentro. Era un luogo accogliente.
Cosa, per Lei,è stata la cosa più educativa per i ragazzi?
Di sicuro, senza neanche pensarci su, il fatto sia di stare al contatto con la natura sia di fare le cose che fanno tutti i ragazzi ai giorni d’oggi. Questa la ritengo una cosa molto importante perchè i ragazzi di questo mondo odierno,ormai, passano pochissimo tempo a contatto con la natura e questo secondo me è un grosso errore.
La ritengo una risposta più che giusta e sono anche d’accordo con Lei. Un’ultima cosa:è un’avventura che consiglia di fare a tutti?
Allora, è un’avventura magnifica ma ha anche i suoi “contro”. Si provano tante emozioni che possono essere belle e brutte. Non è, secondo me,un’avventura che tutti possono affrontare perchè bisogna sapersi autogestire e saper gestire i ragazzi molto bene. Ci vuole pazienza e essere molto responsabili. Comunque io la consiglierei a ogni singola persona sulla faccia della Terra e la rifarei altre mille volte.
Grazie mille per questo tempo che ci ha dedicato. Ora, grazie a Lei,abbiamo le idee più chiare riguardo a un sacco di cose. La ringraziamo per la collaborazione,arrivederci.
Grazie a voi, spero di esservi stato utile.
Arrivederci.